Song-fic

Io sono Prigioniera

© 2001 by Vento / Mime di Asgardh

This page was last modified: 2001/11/12


Back to Stayka's Saint Seiya Index | FanFics | Site Index


Dai pensieri di Aska, dopo la giornata ad Atene

Canzone: Sigla iniziale della versione Italiana di "Record of Loddoss War"


Ormai è notte fonda e tutti dormono, la foresta coi suoi alberi, i prati e i loro fiori, gli animali e i loro cuccioli, il cielo e la sua luna... L'occhio della notte, questa sera, è così chiaro e candido che sembra voler accarezzare ogni curva di questa terra, il solo occhio della signora che impone su di noi il suo manto scuro e ci abbraccia non lasciandoci la possibilità di essere illuminati dal sole e dai suoi colori... I colori...che sciocca a pensare che potessi esserne uno...

L'illusione che ci fosse del posto per me, la rabbia di sapersi defraudati del tesoro più prezioso, la solitudine di una notte che non può essere vissuta da soli, ma che in realtà non ha compagni di viaggio, tutto questo è ancora vivo sulla mia pelle... Solo il pallore dello sguardo vitreo della notte, agitato dal soffio di un vento che non potrà cancellare niente di quello che è stato e che non riporterà Saga da me.

Chiaro di luna
L'ansito del vento agiterà
La luna pallida dei pensieri miei.

Non capisco, non riesco a comprendere questi raggi d'argento che bagnano il mio viso: così dolci perché simbolo della tua anima o così gelidi perché privi di colore e quindi di te?

Come possono essere il simbolo di ciò che sei e allo stesso tempo esserti così distanti? Il tuo essere sembra essere dominato dal contrasto di questa luna, questa sera...

Vorrei solo abbracciarti, stringerti a me e farti sentire sicuro che ciò che sei è la linfa della mia anima. Senza te io muoio, mi spengo nella luce di Selene e sparisco...

Torna...

Tutto il bosco sembra chiedertelo, non senti il soffio del vento accompagnare i miei pensieri? Non senti i fiori intonare il canto dei tuoi sguardi e sussurrarti di non andare via?

Impregnano di loro l'aria, permeano i tuoi capelli con la loro fragranza e ti fanno proprio, legandoti a questa terra e alle sue trame d'oro.

Eterno profumo della patria che ti generò,

questa patria che così calorosamente m'ha accolto e che ora mi tiene schiava, legata da catene invisibili che m'impediscono di tornare a casa mia, fra i ghiacci del Nord e le danze della neve

sentore di nostalgia
io sono prigioniera

Di te, di questa terra e di questa tua luna che non m'ascolta, ma che sussurra il tuo nome alle mie orecchie.

Saga, l'unico uomo che potessi amare, l'unica persona che significasse qualcosa...hai scelto qualcun altro, ti sei lasciato vincere e te ne sei andato...felice, lontano da me.

strappata dalla realtà
lontana dalla luce che inghiottirà il mio cuore
Io sono prigioniera...
I sogni non mi parlan più

Inutile illudersi, inutile sperare che la realtà muti, perché sappiamo bene che non sarà mai più così, non è vero, mia amica luna?

Sognare non ha senso, non ha senso credere in qualcosa che s'è visto sparire, non ha senso aspettare Saga, lui non tornerà, lui non verrà qui da me...

Posso solo sdraiarmi e guardare il cielo, guardare le stelle e cercare lassù un motivo per non piangere e non sentirmi sola, per non piangere e abbandonarmi alla terra, per non piangere anche senza di te, Saga.

Soltanto il mio respiro può
volare via lontano da qua


Fine


Disclaimer: Saint Seiya is the property of Kurumada Masami, Shueisha and Toei Animation.


This page belongs to Stayka's Saint Seiya Archive at http://www.saint-seiya.de

© by Vento / Mime di Asgardh - Email: vento.arcadia@libero.it